Mercoledì delle ceneri

DSC_0393-small


Vi supplichiamo in nome di Cristo: lasciatevi riconciliare con Dio”.
Con queste parole risuona l’appello di San Paolo (seconda lettura, dalla lettera di San Paolo apostolo ai Corinzi) che come non mai si rinnova anche oggi.
“ Ritornate a me con tutto il cuore, con digiuni, con pianti, con lamenti. Laceratevi il cuore e non le vesti, ritornate al Signore vostro Dio, perché egli è misericordioso e benigno” (prima lettura, dal libro del profeta Gioele).
Un percorso santo, ricco di grazia, ci attende anche quest’anno, in cui Dio ci apre la strada verso di Lui. Accogliamo quest’invito per i quaranta giorni di Quaresima che ci attendono per un momento di riflessione personale, in un qualche modo guardarci dentro e facendoci qualche domanda. Non lasciamoci scivolare tra le mani l’ennesima occasione che Dio ci dona per ritrovare Lui. Gesù non ha dato la vita invano per nessuno, perché avrebbe dovuto trascurare proprio te?
Questo cammino di riconciliazione vogliamo percorrerlo nella Chiesa, tutti insieme, proprio come abbiamo fatto quest’oggi, dove con il simbolo delle ceneri, vogliamo riconoscere la debolezza e la fragilità dell’uomo ed in questo, riconoscere i nostri limiti. Abbiate il coraggio di chiedere perdono a Dio e di perdonare, prima noi stessi, e poi gli altri vicino a voi!
Come papa Francesco ci ha ricordato dobbiamo riprendere con entusiasmo a camminare insieme lungo la via della Quaresima, lontani da falsi pentimenti ed immotivate tristezze, ma nell’attesa del soffio di Dio sulla cenere che noi siamo donandoci nuovamente vita.

“Crea in me o Dio un cuore puro,
rinnova in me uno spirito saldo.
Non respingermi dalla tua presenza
e non privarmi del tuo Santo Spirito.
Rendimi la gioia di essere salvato,
sostieni in me un animo generoso.”
(Salmo 50).