Giovedì Santo

20190418_190731

Non è una cena qualsiasi, è l’Ultima Cena che Gesù tenne insieme ai suoi Apostoli, importantissima per le sue parole e per gli atti scaturiti; tutti e quattro i Vangeli riferiscono che Gesù, avvicinandosi la festa degli ‘Azzimi’, chiamata Pasqua ebraica, mandò alcuni discepoli a preparare la tavola per la rituale cena, in casa di un loro seguace. Gesù con gli Apostoli non mangiarono solo secondo le tradizioni, ma il Maestro per l’ultima volta aveva con sé tutti i dodici discepoli da lui scelti e a loro parlò molto, con parole che erano di commiato, di profezia, di direttiva, di promessa, di consacrazione.

Il Vangelo di Giovanni, il più giovane degli Apostoli, racconta che avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine, e mentre il diavolo già aveva messo nel cuore di Giuda Iscariota, il seme del tradimento, Gesù si alzò da tavola, depose le vesti e preso un asciugatoio se lo cinse attorno alla vita, versò dell’acqua nel catino e con un gesto inaudito, perché riservato agli schiavi ed ai servi, si mise a lavare i piedi degli Apostoli, asciugandoli poi con l’asciugatoio di cui era cinto.

Anche noi siamo stati alla mensa con il Signore durante l’Eucaristia alle ore 18,30 e poi fino a quasi mezza notte siamo stati con LUI a vegliare. Sia benedetto il Signore nel suo corpo e nel suo sangue.
 20190418_184047 20190418_183828 20190418_184047 20190418_184101 20190418_184458 20190418_184958 20190418_185035 20190418_185041 20190418_185518 20190418_185645 20190418_190602 20190418_190616 20190418_190731 20190418_190819 20190418_191824 20190418_191901 20190418_191959 20190418_192740 20190418_193740 20190418_194655 20190418_194709 20190418_194719 20190418_194929